martedì 5 ottobre 2010

Si lancia dal treno precario senza lavoro: a Ostuni muore un uomo di 38 anni

(da qui. Grazie al Ratto per la segnalazione.)

BRINDISI - Un uomo di 38 anni, Cosimo Damiano Nardelli di Ostuni, laureato in economia e commercio, si è gettato dal treno sul quale viaggiava, nonostante il disperato tentativo di un passeggero di trattenerlo per la cintola dei pantaloni. Si trovava sul treno Espresso 925 Bolzano-Lecce nelle vicinanze della stazione di Ostuni. L’uomo è morto poco dopo il ricovero nell’ospedale a causa delle gravi ferite riportate.

IL MOTIVO - Negli ultimi giorni l’uomo era stato ospite di alcuni parenti a Milano, non si sa se per fare ulteriori tentativi di trovare occupazione. Alla base del tragico gesto ci potrebbe essere il problema della disoccupazione, dal momento che la vittima, secondo le prime notizie riferite dalla polizia, pare avesse perso da alcuni mesi il posto di lavoro. L'uomo, infatti, stava rientrando da Milano dove in passato aveva un'occupazione. Occupato sino allo scorso anno in una società di call center come tanti suoi coetanei era alla ricerca di un lavoro stabile inseguito a suon di domande e concorsi.

2 commenti:

il Ratto ha detto...

thanks!

p.s.
su rep "cartacea" la notizie è riportata più nel dettaglio,

per inciso una volta si diceva:
"vai a milano, se ti laurei alla bocconi oppure alla cattolica un posto in banca o in ditta è assicurato"

direi che cosimo non ha capito un cazzo,
non doveva andare a milano,
alla cattolica,
a studiare,
ma a cologno monzese,
a fare il coglione,
probabilmente adesso non saprebbe una minchia di keynes o dei monetaristi,
ma magari avrebbe una squinzia disponibile sul divano,
venti grammi di coca sul tavolo
ed un fotturo tv led 3d da 50 pollici.

che italia di merda,
scusa lo sfogo.

Ernest ha detto...

queste sono pugnalate, sono mazzate che leggiamo ogni giorno, basta davvero basta!! Nel frattempo c'è chi dice che va tutto bene...

 
Clicky Web Analytics